Le opere di Milena Crupi esposte alla Sello Library di Espoo in Finlandia, uno dei più grossi centri culturali che conta circa 5000 visitatori al giorno.

INSTALLAZIONE "L'OBOLO DELLA VEDOVA" CHE MISURA 3,4 MT DI LARGHEZZA X 2,5 MT  DI ALTEZZA E 1,5 MT  DI PROFONDITA' - OPERA PRESENTATA AL MUSEO DI SAN SERVOLO NEI GIARDINI DELLA BIENNALE DI VENEZIA

Milena  Crupi  selezionata per la Esposizione Internazionale Mostra Mercato Rassegne Culturali Scuole d’Arte Europee a Confronto.

         Spoleto festival art ed. 2016 dal 23 al 26 Settembre 2016

Milena Crupi con Vittorio Sgarbi accanto all'opera presentata per la Celebrazione del Codex Purpureus a Rossano

          SPECCHI RIFLESSI

Dalla fotografia allo spettacolo

   Castello ducale di Corigliano

           26 luglio 21.30

Lunedì 27 giugno, alle ore 19, il “ Cenacolo degli Artisti per il Codex ”, con il Patrocinio dell’Arcidiocesi di Rossano-Cariati, del Comune di Rossano, della Regione Calabria, hanno presentato, nella Chiesa di S. Bernardino, “ Il Codex che non c’è ” ovvero i vangeli mancanti, nell’auspicabile istituzione di una Pinacoteca diocesana. Tra questi l'opera di Milena Crupi "La guarigione della suocera di Simone". E’ noto che, dal 9 ottobre del 2015, il Codex Purpureus Rossanensis è stato incluso nel “Registro della Memoria del Mondo “ dell’ UNESCO: bene culturale, a oggi, unico in Calabria ad avere l’ambìto riconoscimento e, perciò, il più rappresentativo del territorio e della Regione, un giusto e doveroso riconoscimento, atteso dal 2007, che indica al mondo l'Evangelario Rossanese e, quindi, Rossano quali patrimonio bizantino dell'Umanità.